Pensioni, governo fa dietrofront: troppe spese per prof e statali

Tutte le news ora on-line

Cambiano i limiti d’età per le pensionid’ufficio di professori universitari e medici, con iltetto dei 68 anni eliminato. Via anche la “quota 96″, che sbloccava 4 mila pensionamentinella scuola. Il governo ha così rinunciato alle ultime eccezioni pensate alla riforma Fornero. Vantaggi che saltano perché mancano i soldi per finanziarli.

Marianna Madia, ministro della Pubblica amministrazione, la mattina del 4 agosto ha annunciato i 4 emendamenti soppressivi e ottenuto il sì della commissione Affari costituzionali del Senato. Resta quindi da votare uno solo degli emendamenti dell’esecutivo, quello che sopprime i benefici per le vittime del terrorismo.

Il governo è così costretto a seguire i “consigli” diCarlo Cottarelli, commissario alla spending review, che lamentava l’impossibilità di tagliare le tasse (fine ultimo originario dei tagli alla spesa) se la politica continua a richiedere di dirottare risorse altrove.

Il primo emendamento dunque elimina il tetto…

View original post 199 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...