CASO TAVECCHIO. IL PROBLEMA DELLO SPORT SONO I DIRIGENTI

ABBIAMO CAMBIATO PIATTAFORMA....... Il nuovo link https://alganews.wordpress.com/

DI NICOLETTA GRIFONI

Rilancio sull’equivoco silenzio del mondo del calcio. Penso che l’inverecondo spettacolo che in questi giorni sta di nuovo dando il Senato, abbia alla sua altezza solo quello degli alti vertici dello sport.

Qualcuno mi spiega perché dovremmo avere rispetto delle Leghe e dei suoi presidenti che sostengono questo signore? Perchè il problema non è solo quello che ha detto. E’ la sua storia. Ed è la pochezza del discorso che stava facendo sui problemi del calcio italiano quando è incorso nello scivolone razzista. Il problema è anche la faccia piena di sottintesi di Malagò che ci è andato a parlare e si è dovuto ritirare con perdite.

Il problema, cari signori dello sport… SIETE VOI.

IL MIGLIORE.</p>
<p>Oltre ad alcune dichiarazioni e prese di posizione, quasi doverose, sulla candidatura a presidente della FIGC di Tavecchio e del suo presunto duello (in realtà la sfida non esiste) con l'altro candidato Albertini, colpisce l'impressionante silenzio della maggioranza silenziosa di coloro che formano "il sistema calcio", oltre alla compiacenza di chi per non crearsi problemi continua e preferisce discernere al meglio sul colore delle scarpe dei giocatori.</p>
<p>Ecco perchè, allora, ha ragione Tavecchio, ed è lui che merita di divenire presidente di questo "sistema calcio" governato dalla FIGC, altro che chiacchiere.</p>
<p>Tavecchio rappresenta la continuità ed il collegamento ideale di quelli che sono gli interessi di una federazione gioco calcio che è formata e votata dalle società di calcio e rappresentata dalle relative Leghe attraverso i voti delle società.</p>
<p>Interessi che sono dipendenti in larga misura dal valore economico delle società partecipanti e fortemente veicolate alla voce entrate dai diritti televisivi, ed hanno un senso economico, diciamolo, solo grazie ad alcune società di serie A che per questo, legittimamente dal loro punto di vista, tendono ad imporre loro logiche, anche politiche che però nessuno vede perchè nascoste dietro ai colori delle maglie da gioco.</p>
<p>Ha ragione Tavecchio, a non preoccuparsi per alcune precedenti esperienze in aule di tribunale, non si capisce altrimenti per quale motivo, proprio lui, proprio un dirigente che comunque ha avuto una lunga carriera proprio nel momento di assumere un ulteriore carica debba vedere riemergere questi precedenti come fossero un ostacolo, mica stiamo parlando di un abbonamento alla propria squadra, o del parlamento della Repubblica.</p>
<p>Tavecchio è nel giusto ordine delle cose italiane, e quindi quale miglior candidato, quand' anche fa una battuta sulle presunte abitudini alimentari di giocatori non indigeni, perchè questo è esattamente e largamente il sentire della maggioranza della comunità italiana, che se qualcuno non avesse il coraggio di renderlo noto è razzista non tanto perchè quotidianamente quando vede o pensa ad un diversamente italico l' apostrofa con vari epiteti a discrezione della presunta provenienza, ma proprio perchè considera offensivo e oltraggioso certe diversità.</p>
<p>Il progetto a favore del calcio femminile "Spogliati e gioca" è perfettamente aderente alla concezione delle donne che nel mondo del calcio è ampiamente diffusa ed accettata del quale Tavecchio giustamente è parte integrante e quindi ancora più legittimo candidato.</p>
<p>Tavecchio è membro della commissione calcio giovanile della UEFA quindi anche sotto questo punto di vista i chiarimenti richiesti da Nyon suonano un po' preconfezionati visto che anche da quelle parti non è sicuramente un frequentatore occasionale.</p>
<p>Tavecchio è fra l'altro la migliore garanzia per chiudere la presidenza per il periodo di due anni rimasto vacante dalle dimissioni di Abete a seguito della brillante performance brasileira della nostra nazionale azzurra, perchè l'alternativa più logica sarebbe stato un commissario dotato di poteri dal CONI per preparare una riforma del calcio seria e di portata ampia da preparare un futuro diverso per il fenomeno calcio.</p>
<p>Ha ragione Tavecchio quando indica i tanti altri i pensieri che dovrebbero attanagliare il popolo genuflesso della rotondoiatria,  stritolato fra crisi economica,  guerre all'orizzonte, crisi umanitarie, navi da smantellare, riforme istituzionali, invece di pensare al calcio e all'elezione del suo presidente competenza che esattamente non spetta che agli addetti ai lavori.</p>
<p>State senza pensieri, è il migliore.</p>
<p>DM

View original post

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...