2012 – “Dio”

Diario di un addotto

Da alcuni giorni avevo provato la nuova tecnica messa a punto da Malanga, il TCTDF, a quei tempi ancora in fase sperimentale, non era ancora prevista la trasparenza nella fase finale della simulazione (se non sapete a cosa serve, cercate).

Una notte, venni svegliato da un vento caldo, dalla finestra, oltre la serranda abbassata, arrivava una luce fortissima, come se i riflettori di un campo di calcio fossero puntati verso la mia finestra.
Mi sentivo bene, quasi felice, mi sentivo accarezzare, e una voce molto dolce, femminile, che sentivo provenire dal mio interno, mi diceva “non preoccuparti, vado e torno subito, vado a giocare di la ma torno” e cose del genere. Mi sento dividere in due, una parte di me vuole andare nella luce, un altra non si fida, inizio un lungo tira e molla che si ripeterà più volte nella notte, esco dal corpo, vedo la stanza allontanarsi…

View original post 80 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...